FrancaMente

16/07/2014

disabili

Quando il lavoro diventa disabile

Ancora una bella idea, ancora un tentativo pubblico di far capire quanto e come possano essere produttive e realizzate le persone con disabilità quando trovano e mantengono un lavoro e lo svolgono al meglio. Accade domani, giovedì, a palazzo Lombardia, l’avveniristica sede della Regione, come racconta perfettamente Carmen Morrone sul portale di Vita. “Emergendo”, ovvero bilanci e prospettive di un lungo, paziente e competente lavoro di formazione, informazione, avviamento al lavoro, svolto dalla Provincia di Milano in collaborazione con le altre istituzioni e con il mondo delle associazioni delle persone con disabilità, della cooperazione sociale, delle imprese pubbliche e private.

Pezzi di storia, battaglie vinte, perse e pareggiate. Bilanci nei quali ogni numero corrisponde a una persona, a un nome, e dunque a una famiglia. E quindi anche cinque, dieci, venti inserimenti lavorativi sono altrettante vite cambiate, migliorate, ricondotte a una dimensione di normalità. La Repubblica è fondata sul lavoro. Non sempre, non per tutti, e adesso assai meno di anni fa. E’ la dura legge della crisi, che travolge le leggi, le riduce a simulacri di legalità e di rispetto dei diritti, perché quando i licenziamenti si sostituiscono alla contrattazione non c’è legge 68/99 che tenga. Tutti a casa, solo in questo caso c’è piena inclusione sociale dei lavoratori con disabilità.

Ma proprio per questo ora più che mai occorre agganciare i primi esili e contraddittori spiragli di ripresa a comportamenti virtuosi, corretti, coerenti con un processo culturale e politico che in realtà, in modo carsico, non si è mai interrotto. Spesso per merito delle singole persone, più che degli apparati e delle istituzioni. I nomi li sanno benissimo tutti coloro che vivono da vicino questo aspetto delicato e complesso del mercato del lavoro. Non è un caso se domani in teoria sarà presente il ministro del Lavoro e del Welfare, Poletti. In teoria, perché di questi tempi sarebbe davvero un’apparizione miracolosa la sua, viste le situazioni che è chiamato a gestire in ogni angolo d’Italia, in terra, in cielo e in mare. Ma se anche non sarà presente di persona, credo che quanto accadrà nell’auditorium e nel piazzale della Regione possa servire a tutti come traccia, come indicazione operativa di quello che si può fare, partendo dai racconti e dalle esperienze – positive e negative – di chi il lavoro lo ha cercato e a volte lo ha trovato.

Sullo sfondo lo sfarinamento delle Province, che avevano larghissima parte del compito di promozione e di presidio dell’inclusione lavorativa delle persone con disabilità. La lunga e confusa transizione verso un sistema che non si capisce quale sia, rischia di vanificare o di disperdere un patrimonio ricco di competenze (anche personali) nel quadro di una risistemazione burocratica che difficilmente – spero di sbagliarmi – metterà al centro il destino dei soggetti destinatari veri degli interventi di sostegno e di inclusione. Il nostro compito è quello di non abbassare mai la guardia, di non stancarci, di essere sempre sul pezzo. Uniti come è giusto, combattivi come è doveroso.

Continua a leggere... | 3 Commenti | Tag: , , ,

07/07/2014

#noslot

Speculare sulla casa

Chissà quanto ci avranno pensato. Brainstorming, agenzie specializzate, focus group, e poi la grande scoperta: fra i sogni degli italiani, fra le aspirazioni che uniscono tutti, ricchi e poveri, c’è la casa di proprietà. Ma no? Chi l’avrebbe detto. E così nasce l’ultimo sberleffo a chi cerca, con saggezza, argomenti e buon senso, di frenare il fenomeno dei giochi e delle scommesse, anticamera (anche fisicamente) delle slot machine: la Sisal lancia “Vinci Casa”, con lo slogan “Puoi vincere la casa dei tuoi sogni”. [...]

Continua a leggere... | 4 Commenti | Tag: , , , ,

30/06/2014

Tendenze

Azzardo e scommesse, la droga dei più deboli

Esco per un attimo dal terreno che frequento maggiormente, anche in questo blog. E mi associo ai tanti appelli che dalle pagine di Vita cercano (con crescente e meritato successo) di arginare un fenomeno mostruoso, soprattutto nel nostro Paese, ovvero la diffusione dell’azzardo legalizzato, in tutte le forme possibili. Non lo chiamo “gioco”, perché è proprio qui l’inganno delle parole, il trucco perverso che spinge tante persone semplici a tentare la fortuna, immaginando che non si tratti di niente di speciale, solamente – appunto – un “gioco”, che si abbina alla speranza di un riscatto economico, di un improvviso rovesciamento delle sorti della propria fragile esistenza. [...]

Continua a leggere... | 2 Commenti | Tag: , , ,

22/06/2014

barriere

Rottamare la sfiducia

Ci sono ricascato. Non sono riuscito a frenarmi. Ho accettato – e pure volentieri – la richiesta del Comune di Milano di svolgere un ruolo di consulenza e di supporto tecnico alla task force dell’amministrazione impegnata a garantire la migliore accessibilità possibile della città in vista di Expo 2015. L’incarico è totalmente gratuito, sia chiaro. Lo scrivo perché la formula tecnica “pro bono” magari non è di immediata comprensione per tutti. Così come gratuito è il mio impegno di volontario, nel ruolo di presidente di Ledha, la rete delle associazioni delle persone con disabilità in Lombardia. Questo significa che ho dovuto ridurre il tempo da dedicare alle collaborazioni professionali retribuite, quelle che mi consentono di vivere dignitosamente, di pagare il mutuo della casa, di fare la spesa, come tutti. Non mi basterebbe del resto la pensione di giornalista, che ho dovuto anticipare in considerazione dell’aggravamento della mia disabilità. Non sono un benefattore, però. Vi racconto tutto in piena trasparenza, cari amici di FrancaMente, solo perché di questi tempi il nemico più insidioso che incontro ogni giorno è la sfiducia. Il pregiudizio, la convinzione che chiunque si assume una responsabilità pubblica lo fa per un tornaconto personale, per acquisire potere, e magari anche denaro, in forme poco corrette. [...]

Continua a leggere... | 2 Commenti | Tag: , , , , , ,

08/06/2014

Orrori

Il Tribunale di Salute Pubblica

Ho capito.. Finalmente una parola chiara, so a chi rivolgermi. Da 61 anni non riesco a camminare per colpa dei medici che non hanno saputo curare la mia malattia genetica, l’osteogenesi imperfetta. Incapaci, inetti, legati a doppio filo agli interessi delle case farmaceutiche. Io, che avrei potuto sicuramente guarire se solo avessi incontrato per tempo il Grande Guaritore da Tutti i Mali. Ma ora basta, vado alla Farmacia del Tribunale. Sì, perché finalmente è stato istituito il Tribunale di Salute Pubblica. In ogni città. Basta andare con la tessera sanitaria dell’Asl, prenotare una visita dal magistrato di turno. [...]

Continua a leggere... | 2 Commenti | Tag: , ,

04/06/2014

politica

Vivere in un mondo parallelo

Non so che cosa stiano provando in queste ore tutte le persone per bene, e sono tantissime, che lavorano da sempre fra mille difficoltà, nel mondo che conosciamo e frequentiamo quotidianamente, fatto di progetti sociali, di cooperazione, di rapporti complessi con le istituzioni pubbliche, di ricerca di finanziamenti, anche minuti, per cose belle e giuste, delle quali siamo orgogliosi e fieri. E’ come se fossimo costretti a vivere in un modo parallelo, quasi immersi in un orrendo film di fantascienza, nel quale i detentori del potere fanno e disfano a loro piacimento, gestiscono e spartiscono enormi quantità di denaro, il tutto per anni e anni, quasi ovunque. Nel mondo parallelo gli altri cercano di non demoralizzarsi troppo, si impegnano, rispettano le regole, forniscono ingegno e lavoro praticamente in forma gratuita, specialmente se si paragonano le entità economiche. Ma girano praticamente a vuoto e tornano sempre alla casella del “via”. [...]

Continua a leggere... | 4 Commenti | Tag: , , , ,

26/05/2014

politica

Renzi, una sfida che ci riguarda

Comprendo oggi la delusione e lo smarrimento di tutti coloro che immaginavano il trionfo della lista del Movimento 5 stelle. Non dev’essere facile accettare un responso popolare così netto e duro. La concomitante vittoria del Pd guidato da Matteo Renzi e la evidente sconfitta del sogno di Beppe Grillo e Roberto Casaleggio (#vinciamonoi) è sicuramente una doccia gelata per tutti coloro, e sono tanti, che credevano nella possibilità di modificare radicalmente la politica italiana, spazzando via l’intera classe dirigente e sostituendola con il partito degli onesti e dei puri. Ognuno di noi conosce elettori di 5 stelle, anche impegnati nel sociale. Si sono accodati, negli ultimi mesi, al clima di rissa verbale ansiogena, agli urli di Grillo, agli insulti, al dileggio. Ma molti di loro sono certamente consapevoli che quelle erano esagerazioni, e che la realtà è molto più complessa, e che ogni giorno dobbiamo cercare di fare qualcosa per cambiare in meglio il Paese. [...]

Continua a leggere... | 6 Commenti | Tag: , , , , , , ,

20/05/2014

politica

Un pieno di energia e di futuro

Lo ammetto: era tanto tempo che non vivevo una situazione nella quale una discussione su temi caldi, come quello del futuro del nostro mondo, quello fatto di volontariato, associazioni, cooperazione, impresa sociale, si svolgesse in un clima di ragionevole speranza e di concretezza delle parole. E’ accaduto stamattina a Vita, la redazione era piena di persone speciali, ognuna di loro avrebbe potuto parlare per ore e raccontare le storie che ci riguardano: bambini, lotta alle malattie genetiche, cooperazione internazionale, sostenibilità ambientale, servizi alle persone con disabilità, anziani, imprese sociali, fondazioni filantropiche, e via elencando. Il meglio del terzo settore, se questa definizione ha ancora un senso. Ci siamo salutati l’un l’altro come un gruppo di amici che scoprono, d’un tratto, di avere percorso insieme, seppure a distanza, molte miglia di cammino irto di fatiche, di incomprensioni, di sconfitte, ma anche di vittorie. [...]

Continua a leggere... | 8 Commenti | Tag: , , , , , ,

08/05/2014

Coscienza

In questo mondo di ladri

In questo mondo di ladri, cantava Antonello Venditti nel 1988: ”Eh, in questo mondo di ladri c’è ancora un gruppo di amici che non si arrendono mai”. Già. Il fatto è che anche gli amici rischiano di sentirsi defraudati, impotenti, inascoltati. Le notizie di oggi, relative ai nuovi arresti nell’ambito di indagini sul malaffare che si è costituito attorno al business di Expo 2015, sembrano confermare una situazione gravemente compromessa. La ramificazione della corruzione, trasversale e impressionante, sembra riportarci indietro nel tempo, proprio agli anni cantati da Venditti. Nulla pare cambiato da allora, se non in peggio. Ma il punto, secondo me, è un altro. [...]

Continua a leggere... | 10 Commenti | Tag: , , , , ,

27/04/2014

Coscienza

Francesco, il trionfo della parola

Ho appena finito di seguire, affascinato, la lunghissima trasmissione televisiva della cerimonia di santificazione di Giovanni Paolo II e di Giovanni XXIII. Non sono in condizione di entrare nel merito della liturgia, e neppure mi sono appassionato alle discussioni relative ai miracoli, o all’opportunità di fare Santi due Pontefici che, come dire, sono già in posizione avvantaggiata. Da laico di religione cattolica, e da persona che vive di parole e di comunicazione, sono colpito infatti soprattutto dal trionfo della Parola, del Messaggio, della Comunicazione Universale. [...]

Continua a leggere... | 1 Commento | Tag: , , , ,